Click here to load reader

Lamaismo Tibet Vivarelli - India con Massimo Taddeii · PDF file 4 InItaliaabbiamouncentrobuddistaaPomaiainToscana. ! IlDalaiLamadice:“Ingioventu’ilcomunismohaesercitatodelfascinosudime,misembravachefosse!

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Lamaismo Tibet Vivarelli - India con Massimo Taddeii · PDF file 4...

1

10-4-2008. IL TIBET - Il LAMAISMO LA STORIA VIVIANA VIVARELLI Prima parte Storia - Buddhismo e religione Bon Le predizioni - Linvasione cinese - Il Dalai Lama Viviana Vivarelli Storia Buddha nasce nel VI secolo a. C (la tradizione parla del 570) in una regione dellIndia del nord, che ora e del Nepal, e predica il suo pensiero peregrinando nellIndia settentrionale, nella pianura del Gange .Siddharta Gautama Sakyamuni era di casta Kchatrya , principe, induista e nellInduismo cresce e trova una profonda tradizione di conoscenze pregresse. Il Buddhismo si diffonde in India, ove diventa anche religione dominante (insieme con il Jainismo suo contemporaneo) a partire dal 300 AC con limperatore ASHOKA che inizia a diffonderlo nei paesi confinanti e lontani . Il Buddismo si diffonde in maniera immensa . Strabone Greco e Megastene parlano di centomila greci buddisti ( e probabilmente jainisti) dopo il ritorno delle truppe di Alessandro Magno E molto probabile che londata di filosofia buddista sia stata molto ben conosciuta in medio oriente . Si stanno trovando grotte buddiste in Turchia. Il Buddismo in India ove resta prevalente insieme a lInduismo e crea immensi e bellissimi siti architettonici tuttora visitabili , perde intensit dal 500 DC in poi venendo addirittura reintegrato allinterno dellInduismo, e verso il 1200 viene allontanato prepotentemente dallinvasione islamica. Continua la sua vita in Asia ove ogni comunit o etnia sviluppa una propria forma di buddismo al contempo simile e differente. Sembra ci siano circa 16000 buddit geografiche nel mondo. Nel Tibet si unisce a una preesistente religione a carattere magico sciamanico. Intorno al 760 d.C. il Tibet aveva avuto un grande re che domo laristocrazia la quale appoggiava la religione BON e protesse invece il Buddhismo. La storia del Tibet mostra continui attacchi cinesi e mongoli. I Cinesi sono sempre stati i nemici secolari dei Tibetani e hanno sempre cercato di assimilarli. I re successivi si dilaniarono in guerre di religione, proteggendo il Buddhismo contro i nobili e la religione Bon; in questa guerra civile la monarchia tibetana si dissolse lentamente mentre crebbe il peso dellelemento religioso-monastico, finche verso il 1000 il riformatore indiano Atisa, con la protezione del re, diffuse il Buddhismo in tutto il paese e un po per volta la societa tibetana prese un carattere teocratico, mentre aumentava limportanza dei grandi monasteri spesso in lotta tra loro, con abati sempre piu potenti. I Cinesi continuarono i loro attentati contro il paese, che divenne per un certo tempo protettorato mongolo. Alla fine il Buddhismo da sistema filosofico divenne chiesa ufficiale, con un governo insieme spirituale e temporale, una TEOCRAZIA, la piu grande del mondo, in cui i lama piu alti gestivano anche il potere temporale oltre a quello spirituale. Lontano da tutto il mondo e in perfetto isolamento, il Tibet elaboro una straordinaria forma politica, affidando il governo locale agli abati dei grandi monasteri e quello centrale al Dalai Lama nella capitale Lhasa. Il Buddhismo nasce con lintenzione di alleviare il dolore umano e parla costantemente del dolore, il Lamaismo o Buddhismo tibetano si presenta come una religione piu serena. In unAsia dilaniata da continue guerre i Tibetani hanno avuto per mille anni un governo pacifico, praticando la non violenza. Il Dalai Lama La loro guida e il DALAI LAMA = Oceano di saggezza o Gemma splendente, considerato il Buddha vivente, incarnazione umana del Buddha della compassione, poiche si crede che il Buddha ritorni sulla terra, finche ci sara vita umana, per aver cura di tutte le cose viventi, amarle e averne compassione. Finche una cosa vivente avra respiro, li, in compassione, apparira il Buddha.

2

Possa io essere una porta, una nave, una barca per coloro che vogliono attraversare lacqua Liberero coloro che non sono liberati affranchero coloro che non sono affrancati e portero gli esseri viventi nel Nirvana Si pensa che il Buddha rinasca ogni volta in un bambino che viene individuato in base a caratteristiche astrologiche e a certi segni sul corpo, egli sara in grado di riconoscere come suoi alcuni oggetti che furono del Dalai Lama precedente. Viene cercato seguendo le visioni che i Lama ricevono, focalizzando la loro attenzione superiore nelle limpide acque dei laghetti di montagna. Ogni volta che un capo spirituale muore, comincia la ricerca del successore e dopo qualche tempo si trova il nuovo bambino in cui il Lama si e incarnato, il bambino viene portato a Lhasa ed educato per il suo ruolo. Nel 1933 e morto il 13 Dalai Lama, e 4 anni dopo e stato trovato il nuovo bambino, il Dalai Lama attuale, Tenzin Gyatso, 14 incarnazione del Buddha della Compassione. Ci sono molte storie su questo bambino che nacque senza piangere, disse di essere il capo supremo, voleva stare seduto a capotavola e avere piu importanza del padre, chiedeva sempre di essere portato a Lhasa e seppe riconoscere tra altri oggetti mostrati dai monaci il rosario, la tazza, il tamburello e gli occhiali del defunto Dalai Lama. Due anni dopo il suo ritrovamento, il bambino venne separato dai genitori e portato a Lhasa per essere addestrato ai suoi nuovi compiti. Il 13 Dalai Lama un anno prima della sua morte aveva scritto: Puo accadere che qui nel Tibet la religione e il governo vengano attaccati, che i monasteri vengano saccheggiati e distrutti, che i monaci e le monache siano uccisi o cacciati via, diventeremo come schiavi per i nostri conquistatori, umiliati, indifesi, vilipesi, mendicanti. I giorni e le notti passeranno lentamente con grande sofferenza e terrore. Era una terribile profezia e purtroppo si verifico di li a poco; mentre ancora il 14 successore era molto giovane e non era stato ancora insediato come Dalai Lama, nel 1949 Mao Tze Tung sali al potere in Cina e impose al Tibet dure condizioni, il Tibet rifiuto ma i Cinesi lo invasero proclamando che lesercito di liberazione popolare andava a liberare i propri fratelli tibetani e riportava il paese alla madrepatria, si disse che la popolazione tibetana accettava con estrema gioia questa liberazione ma non fu cosi. I cinesi erano e rimasero totalmente stranieri alla cultura ufficiale, due mondi che non potevano essere piu opposti. Il Tibet era un paese pacifico, con un piccolo popolo formato da monaci o pastori, senza un valido esercito, era un paese inerme, dedito alla religione, non praticava la guerra, non era armato e non pote respingere lesercito cinese. Mando i suoi rappresentanti agli altri paesi asiatici ma non vennero ricevuti, chiese allOccidente, allInghilterra, allAmerica, allIndia che la sua indipendenza fosse preservata ma nessuno oso contrastare la Cina. Propose allONU di prendere atto di questa violazione ma lONU se ne lavo le mani. Linvasione di questo piccolo popolo pacifico (oggi sono 6 milioni di abitanti) avvenne nellindifferenza totale del mondo. Il Dalai Lama aveva allora 15 anni. Per 9 anni cerco vie diplomatiche, incontro Mao Tse Tung e Chu En Lai, chiese aiuto alle potenze mondiali, mendico a tutti i governi. Invece di avere aiuto, vide nel 1954 che lIndia firmava un accordo con la Cina con cui si asteneva dal ridiscutere loccupazione militare del Tibet. La Cina intanto prese a modificare il paese con i massacri. In modo brutale pose fine ad una delle culture piu importanti e singolari del mondo. Il braccio di ferro tra lo stato piu popoloso del mondo e un territorio immenso, inaccessibile e quasi spopolato come il Tibet (un paese grande 2,5 milioni di km che come estensione e pari a un quarto della Cina), durava da secoli. Per molto tempo il Tibet aveva mantenuto la sua autonomia sia politica che religiosa, ma i Cinesi posero fine a tutto questo in modo vergognoso e incontrastato. Essi imprigionarono, torturarono e uccisero centinaia di migliaia di Tibetani, stroncando la loro civilta e distruggendo la loro cultura. Arrivarono coi carri armati a Lhasa e cominciarono i bombardamenti, si temette che lo stesso Dalai Lama potesse essere ucciso. I consiglieri e lo stesso popolo tibetano lo scongiurarono di mettersi in salvo, il giovane non voleva lasciare il suo paese, ma lindovino di corte, in trance, parlo con la voce dellultimo Dalai Lama morto, e il responso fu :Dove non si puo attraversare un grande fiume, non ce guado, non

3

ce bassofondo, dove la sola speranza e una barca, ma non ce barca, io porro una barca. La Gemma che esaudisce i desideri splendera dallOccidente. Il responso diceva che il Dalai Lama doveva fuggire. I Cinesi dichiararono che avrebbero bombardato Lasha e avrebbero preso misure severissime per impedire la fuga. Di nuovo si interrogo lindovino, che in stato di trance scrisse: Vada, stanotte, vada, suggerendo di passare travestiti vicino al campo cinese. Cosi, il 17 marzo del 1950, a 24 anni il Dalai Lama, dopo una rivolta popolare contro i Cinesi tragicamente fallita, segui i consigli delloracolo e prese la via dellesilio, per continuare la sua lotta allestero. Di notte, travestito da soldato, con un manipolo dei suoi, fuggi, intraprendendo un viaggio penosissimo che duro sette mesi, a piedi, attraverso montagne altissime e neve, per erti sentieri, fino al confine dellIndia, dove il povero gruppo stremato ebbe accoglienza. Il governo tibetano fu cosi trasferito allestero. Lo stato piu ateo del mondo aveva conquistato lo stato piu religioso del mondo, nellindifferenza degli altri paesi. Alcuni monaci avevano tentato di resistere con le armi ma furono trucidati e cosi fu per quella parte di popolazione che tento di resistere. Linvasione fu terribile e brutale. Monaci e monache furono scherniti, costretti a fornicare per le strade, i bambini furono armati e obbligati a sparare ai propri genitori, seimila monasteri che erano universita di sapienza e possedevano tesori artistici e culturali inestimabili furono rasi al suolo dai bombardamenti, un milione di Tibetani uccisi, mig